contatti

© 2016  Curare Onlus  C.F. 91156340357    -    Privacy Policy - Credits

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black YouTube Icon

via Manfredi, 3

42121 Reggio Emilia 

info@curareonlus.it

Mire, un’architettura di luce e colori per accogliere le donne e i bambini

 

Il futuro Mire, Maternità Infanzia Reggio Emilia, è un progetto concepito come un “caldo abbraccio”, luminoso e accogliente, per ospitare l’evento della nascita, le donne, le mamme e i bambini con le loro famiglie, integrato nella cittadella dell’Arcispedale Santa Maria Nuova, ma aperto al territorio e alle persone.

 

La cura della donna e dei bambini, il rispetto e l’amore per la figura femminile, per la procreazione, la crescita e l’educazione delle generazioni future sono temi essenziali di civiltà e progresso, in ogni contesto sociale e religioso, ai quali Reggio Emilia da oltre 150 anni ha dedicato le migliori risorse culturali e sociali, divenendo esempio indiscusso, esportato e studiato nel mondo intero, tra i vanti migliori del nostro tricolore.

 

Il progetto, redatto dal raggruppamento guidato da Binini Partners di concerto con la Direzione dell’Azienda Ospedaliera e finanziato da Curare Onlus, impegnata da anni nella raccolta fondi e in innumerevoli iniziative a sostegno dell’opera, non poteva non incarnare questo sforzo corale di una intera comunità. Nasce così una “nuova architettura” fatta di luce e colori, essa stessa “cura” amorevole delle persone, un edificio innovativo e tecnologicamente avanzato, bello e accogliente, aperto e funzionale, riservato e sicuro per accompagnare i tanti momenti della “nascita” e della “vita” per una provincia intera.

 

La nuova struttura ospiterà tutte le funzioni intensive e a più elevata complessità in una piastra di base con i servizi e i locali tecnici al piano seminterrato, mentre al piano terreno sono previsti il Pronto Soccorso Ostetrico Ginecologico, il Blocco Travaglio Parto, il Blocco Operatorio e la Neonatologia. Un impianto estremamente razionale, costruito su sinergie organizzative forti e percorsi rapidi, per ottenere la massima sicurezza, efficienza e razionalizzazione delle risorse, insieme ad una stretta integrazione tra i professionisti.

I tre piani in elevazione, invece, di minor complessità data la loro destinazione a Degenze e Ambulatori, si sviluppano attorno ad una corte interna coperta che garantirà un elevato confort abitativo grazie all’apporto dell’illuminazione e della ventilazione naturale a tutti gli spazi che vi si affacciano. Questo volume costituirà inoltre un luogo prezioso da utilizzare non solo nelle occasioni collettive, ma anche come risorsa aggiuntiva per tutta l’area Pediatrica che vi si affaccia direttamente al primo piano, mentre l’Ostetricia, con il Centro Nascita naturale, e la Ginecologia occuperanno il secondo e il terzo piano. L’impianto, quindi, somma l’efficienza delle strutture a piastra con la qualità dell’abitare di una pianta a corte, nella quale tutti i locali per le degenze e gli ambulatori sono affacciati all’esterno, verso le aree verdi e lo skyline della città e delle colline, mentre i servizi, gli spazi di relax e di supporto sono rivolti all’interno del complesso, tutti con grandi aperture in grado di filtrare e regolare la luce naturale.

La grande corte coperta con un soffitto di cristallo che invita a guardare il cielo, sempre mutevole e in movimento, funge da unità spaziale che unifica tutti i piani e le funzioni attorno a questo baricentro visivo dove le famiglie possono trovare un momento di relax, i bambini un luogo protetto per i giochi, le iniziative di socializzazione, formazione e comunicazione uno spazio ideale di incontro. Al contorno, da tutti i piani, ogni locale e ogni persona può sentirsi parte di questo insieme, mutuandone luce, movimento e conforto.

 

Una cura particolare è riservata alle camere, agli spazi di accoglienza e di soggiorno per le donne, i bambini e le famiglie, che vengono arredati e specializzati secondo le funzioni, prevedendo anche tutti gli ausili integrati per l’attività del personale. Le pareti dei locali e dei corridoi vengono trattate come superfici di una galleria d’arte, pronti a ricevere i disegni e i giochi dei bimbi, opere artistiche o fotografiche, secondo una narrazione educativa e compositiva che elevi l’ospedale a luogo della vita.

 

L’impianto compositivo e volumetrico enfatizza questa concezione luminosa con le candide superfici che descrivono i volumi e contengono le ampie facciate di cristallo, secondo forme semplici ed eleganti, assicurando la sostenibilità ambientale e paesaggistica dell’intervento. Agli elementi di colore che caratterizzano le facciate, la corte e i terrazzi è lasciato il compito di definire e ravvivare ulteriormente l’impianto, raccordandosi all’esistente con le tinte graduate delle terre e dei materiali naturali.

 

Il Mire è quindi un progetto con caratteristiche di spiccata innovazione sanitaria, tecnologica e compositiva, per assolvere a tutte le aspettative di avanzamento tecnico-scientifico, di umanizzazione e accoglienza per la maternità e l’infanzia del futuro.

 

ing. Tiziano Binini

Presidente Binini Partners Capogruppo RT Progettazione

Binini Partners

 

 

Binini Partners è un’organizzazione professionale specializzata nella progettazione e realizzazione di opere e programmi complessi nell’ambito dell’urbanistica, dell’architettura, dell’ingegneria e del design. Negli anni ha consolidato ed esteso le prestazioni e la qualità dei servizi offerti, assicurando opportunità di crescita e formazione per gli associati grazie alla forma organizzativa professionale, all’integrazione delle competenze, all’apertura verso i giovani e le innovazioni. Opera per committenze pubbliche e private, in campo nazionale e internazionale, dagli studi di fattibilità fino al collaudo e alla messa in funzione dei lavori, che affronta con approccio integrato e multidisciplinare.

In ambito sanitario e ospedaliero ha realizzato studi e interventi di grande prestigio per alcuni dei principali poli sanitari italiani, da Firenze a Pavia, da Milano a Pisa, da Roma a Torino. In ambito internazionale ha lavorato per il BIDMC e l’Harvard Medical School di Boston e ha sviluppato progetti a Doha, in Libia e in Arabia Saudita. In ambito infrastrutturale si occupa di opere idrauliche e fluviali, navigazione interna e marittima, porti, strade e ferrovie, difesa del territorio e dell’ambiente.

Tutti i lavori affrontati sono caratterizzati dalla volontà di coniugare bisogni sociali e soluzioni progettuali, ideazione compositiva e avanzamento tecnologico, di integrare armonicamente infrastrutture e paesaggio, offrendo una progettazione integrale e coordinata di sicura affidabilità e competenza.

A vent’anni dalla nascita -1996/2016- Binini Partners occupa una trentina di professionisti nella sede in centro storico a Reggio Emilia, dove prosegue l’impegno per la ricerca e l’innovazione nei settori del design, dell’architettura e dell’avanzamento tecnologico, finalizzate a realizzare opere dell'ingegno altamente qualificate e di eccellenza per migliorare la qualità della vita, la salute, l'ambiente e il futuro delle persone.

 

Dopo la coinvolgente esperienza del CORE, inaugurato a giugno da Presidente del Consiglio Matteo Renzi e insignito del Premio CNETO 2015, avere nuovamente l’occasione di mettere a frutto le capacità professionali e le esperienze acquisite per la progettazione del MIRE è per Binini Partners motivo di grande soddisfazione e di rinnovato impegno per assicurare una realizzazione che possa rappresentare per l’intera collettività un nuovo motivo di vanto e un’importante occasione di ulteriore crescita.